GESTIONE AZIENDALE E RISCHIO DI IMPRESA

Rischio di impresa: nuovi strumenti di valutazione

Rischio di impresa: nuovi strumenti di valutazione
Collegamenti sponsorizzati
Le nuove regole definite dagli accordi di Basilea 2 sui requisiti patrimoniali delle banche e i relativi criteri di erogazione del credito impongono alle imprese di ridefinire la propria attività gestionale in linea con i modelli manageriali più avanzati. Vediamo come ciò sia possibile e quali strumenti possano venirci in aiuto...

Gli accordi di Basilea 2 prevedono che le banche dei paesi aderenti debbano accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito assunti. Le banche dovranno classificare i propri clienti in base alla loro rischiosità, attraverso procedure di rating sempre più sofisticate. Il timore è che l'applicazione dell'accordo possa tradursi in minor credito alle imprese più rischiose e a tassi più elevati. Appare quindi evidente la necessità che le imprese, ed in particolare le PMI, pongano in essere tutte quelle politiche, gestionali e di bilancio, atte a rafforzare la propria struttura e la propria immagine per affrontare serenamente l'esame dei rating bancari.
Ma guardiamo il “rovescio della medaglia”. La rivoluzione imposta da tali accordi non è solo un modo per ottenere linee di credito a condizioni vantaggiose, ma è un’occasione importante per ottimizzare la propria politica economica e finanziaria introducendo nuovi e più accurati sistemi di analisi. Ovviamente, per poter dialogare proficuamente con il sistema creditizio, accrescendo la propria visibilità e l’immagine aziendale, è necessario disporre di nuovi strumenti che consentano l’identificazione delle funzioni strategiche, la potenzialità del business, il monitoraggio costante del valore aziendale.
 
Un innovativo software di analisi e valutazione del rischio aziendale (DOMINO B2®) consente ora un’analisi completa dell’impresa a livello economico, patrimoniale e finanziario, permettendo di:
  - valutare la sostenibilità delle strategie formulate, in particolare verificando la compatibilità finanziaria del previsto piano d’investimenti;
  - determinare il valore dell’azienda e simulare scenari che possano accrescerlo o diminuirlo;
  - quantificare il livello di rischio con metodi automatici e con un sistema di autovalutazione.
Da notare che, pur sviluppandosi in circa 40 tabelle, con migliaia di formule matematiche, finanziarie, statistiche e algoritmiche, il programma risponde ad un’estrema semplicità di utilizzo.
Le funzioni principali svolte dal software sono sinteticamente le seguenti:
 Consuntivi e stime
Vengono riclassificati ed analizzati i dati consuntivi degli ultimi tre bilanci. Il programma fornisce l’analisi degli indici , riportandone un giudizio per ciascuno (positivo, neutro, negativo) e la tendenza ↑ ↓ rispetto all’esercizio precedente. Una completa serie di tabelle consente la definizione di un programma di investimenti e di coperture finanziarie.
 Analisi strategica
Elabora una proiezione economica e finanziaria sui sei anni successivi all’ultimo consuntivo. Il conto economico preventivo viene riclassificato a “valore aggiunto”, a “margine di contribuzione” con l’analisi di break even e a “costo del venduto”. La sezione comprende un elenco di circa 50 indici di bilanci a ciascuno dei quali viene associato un giudizio di facile visibilità; una tabella di calcolo delle imposte sul reddito Irap e Ires; una tabella di simulazione di “sviluppo sostenibile”.
 Valutazione impresa
Calcola il valore dell’impresa applicando tutte le metodologie attualmente in uso: il “Metodo patrimoniale”, il “Metodo reddituale”, il “Metodo Misto”, il “Metodo Finanziario” o “Dividend discount cash flow”, il “Metodo EVA®”. Una tabella calcola il costo medio ponderato del capitale “Wacc”.
 Assegnazione Rating
Il modulo, applicando vari metodi matematici e statistici, calcola lo score aziendale, assegnando un rating e individuando uno spread da applicare sul tasso interesse “risk free” sui finanziamenti bancari. Il programma elabora il calcolo dell’equilibrio finanziario con il metodo “Standard & Poor’s”, stima il rischio aziendale con i modelli di Beaver e “Z-score” di Altman, assegna un rating e uno spread con i metodi “Standard & Poor’s”, “Stern Stewart & Co.”, “Damodoran”. Viene, infine, riportata una scheda che consente l’autovalutazione dell’impresa con assegnazione di uno score, oltreché sugli indici patrimoniali, economici e finanziari, anche sulle prospettive di sviluppo del business, sulla qualità del management, sui rapporti con gli istituti di credito, ecc.

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante: